Addestramento del cane – Rinforzo positivo con il cibo (bocconcini)

Anche un argomento che crea inutilmente dei fronti, credo. Va notato che questo articolo riguarda i principi e non l’allenamento concreto. Si tratta di aspetti fondamentali, di comunicazione e a volte di incomprensioni tra professionisti del cane, nell’addestramento e nell’insegnamento, che deve essere dettagliato e accurato per mantenere un livello professionale a lungo termine.

Naturalmente posso usare il cibo (le leccornie) per ricompensa, distrazione, condizionamento, ecc., senza dubbio, anche in modo massiccio spargendo interi “carichi”, ma di nuovo – “non devo”.

Il cibo non è l’unico mezzo di addestramento con un cane in un modo non avversivo e rispettoso degli animali. Si tratta di un argomento estremamente utile e, a seconda dell’individuo, molto “pesante” (il cibo come parte di un bisogno biologico di base) per i progetti di condizionamento. Tuttavia, uno studio ha probabilmente anche dimostrato che, ad esempio, la lode/petting/ecc. è un segnale di rinforzo positivo molto più importante del cibo. Non ho cercato lo studio, l’ho appreso in una conferenza nel 2019.

Personalmente, mi è stato permesso di conoscere cani che non si preoccupavano di lodi o “coccole”, ma il cibo era IL fattore motivante. Altri cani, beh, erano solo casi individuali “problematici”, potevano anche reagire molto “scetticamente” all’offerta di cibo, per usare un eufemismo, il che dimostra chiaramente che il cibo (dolcetti) non deve essere una cura miracolosa.

Allo stesso modo, oggi abbiamo sistemi di addestramento dei cani senza parole, puramente attraverso il linguaggio del corpo.

Non possiamo cercare di imporre l’unico sistema valido con “tutta la forza”, ci sono ora diverse possibilità e approcci ed è chiamato a scoprirlo adeguatamente l’individuo.

Intendiamoci, gli addestratori di cani usano già il cibo in modo molto mirato e abile e di solito non lasciano che questo degeneri in una fornitura permanente di cibo tramite bocconcini. Si tratta di allenamento, condizionamento, distrazione, ecc.

L’allenamento “corretto” o la pratica, richiede attenzione e questa riesce solo concentrata su un certo periodo relativamente breve in modo ottimale. Quello che si vede spesso nella realtà, però, è un “dare da mangiare” piuttosto permanente ad ogni passeggiata, che sarebbe troppo bello per me personalmente e lo considero addirittura controproducente.

Questa può essere la ragione delle voci dissenzienti, non contro il rinforzo positivo con bocconcini di per sé, né contro la quantità, eventualmente in uso mirato, ma contro la somministrazione costante e regolare di cibo fino a degenerare in assuefazione poco interessante. Sono d’accordo con questa critica in tutto e per tutto, e penso che il malinteso fondamentale possa essere sepolto qui.

Perché se mi è stato permesso di imparare qualcosa da docenti e professionisti cinofili, sui tempi passati in cui i metodi aversivi erano “naturali” e “usuali” in vari settori, allora è stato che anche gli stimoli negativi del dolore perdono il loro effetto ad un certo punto (ma con conseguenze costantemente negative, quindi per favore lasciate perdere!) Non sarà diverso con il cibo, credo. Per avere un successo efficace e duraturo con il cibo (dolcetti), dovrò anche usare questo strumento in modo molto selettivo, per non raggiungere ad un certo punto un plateau inflazionato.

Tuttavia, ciò che mi infastidisce personalmente è che l’uso del cibo come ricompensa attraverso le leccornie è generalmente presentato come esclusivamente positivo, rispettoso del benessere degli animali e l’unico metodo corretto e “buono”. Vedo questa generalizzazione come semplicemente sbagliata, perché mi è stato permesso di sperimentare cani che avevano mostrato segnali di stress molto pronunciati fino a segnali di appeasement molto chiari quando il cibo veniva usato come rinforzo. Il cibo può essere un potere “FORZATO” nella mano del proprietario del cane e questo può anche degenerare in violenza nel trattare con il cane. La violenza non è sempre e solo fisica, la violenza psicologica non è assolutamente da sottovalutare. Ma di nuovo: può essere, ma non deve essere. Dipende semplicemente dall’individuo!

Quindi, generalizzare che il controllo del comportamento tramite il cibo (bocconcini) è generalmente solo positivo e “buono”, lo trovo piuttosto riduttivo e poco serio, soprattutto in campo professionale e non sto parlando del cane che prende un bocconcino per divertimento, ma dall’uso mirato. Soprattutto con gli animali abbiamo a che fare con esigenze di base molto più pronunciate e biologiche e questo può portare ad un enorme stress fino alla tortura. Qui dobbiamo assolutamente fare attenzione! (il che non significa assolutamente ricorrere alla violenza fisica, si tratta solo di considerare il possibile stress psicologico).

Metodi aversione:

Ho appena pensato a un’altra differenziazione, forse più filosofica, dei metodi di apprendimento avversivi. Per cui mi interessa qui soprattutto la demarcazione delle varie terminologie.

Prima di tutto, non hanno niente a che vedere con la manipolazione e soprattutto non con l’addestramento degli animali, ma vorrei guardare la cosa nel contesto dell’”apprendimento”. Quindi a tutti i non professionisti del cane che leggono questo testo qui: Per favore, non usate la forza, lo spavento o simili quando addestrate o lavorate con i vostri cani. Questo non porta a niente, accumula solo frustrazione e comportamenti di evitamento e vi causerà qualche volta problemi forse grandi! Per favore, fate attenzione a questo molto coscienziosamente e prendetevi del tempo per il vostro cane. Questo è puramente un modo differenziato di vedere le cose per riportare ad un livello fattuale gli eccessi a volte emotivamente escalation e soprattutto escalation nelle discussioni.

Escludo ora settori come la polizia e l’esercito, dove bisogna fare una differenziazione precisa. Non c’è un solo livello di violenza (fisica o psicologica), essa è, proprio come il concetto di dominio, in interazione o è da vedere in relazione all’individuo. Naturalmente ci sono dei confini ben definiti, quindi non è facile mettere in parole questo problema in modo corretto. E ancora per chiarire: non c’è bisogno dell’”addestramento di base” per lavorare con mezzi medianti, ma nelle aree operative si dovrà probabilmente preparare per situazioni estreme!

Mi interessa un modo diverso di vedere la cosa, che può permettere una differenziazione.

Originariamente, un cartello nel Wolf Science Center di Ernstbrunn mi ha dato questa idea:

“Misure di protezione contro gli attacchi dei lupi al bestiame”

“Recinto elettrico: se toccato, provoca una scossa elettrica molto dolorosa ma non pericolosa per la vita. Gli animali della fattoria sono tenuti all’interno del recinto, i lupi e anche i cani sono respinti. Lezione imparata: “Le pecore fanno molto male”

Dobbiamo essere chiari su una cosa. Il dolore (o lo “spavento” per esempio) può avere un grande effetto di apprendimento. Ma dov’è la demarcazione essenziale dalla violenza?

Vedo questa demarcazione nella natura e nella durata delle influenze negative.

Se la madre o il padre hanno ammonito il bambino per la centesima volta a non toccare il piano di cottura caldo perché fa molto male, alcuni bambini probabilmente avranno ancora questa dolorosa esperienza. E impareranno da questo senza subire un trauma per tutta la vita.
Ma si trattava allora di un’azione “volontaria” o “maldestra” del bambino, la violenza (come purtroppo accade) sarebbe quella di punire il bambino con il piatto della stufa calda. Dovrebbe quindi essere impensabile.

Così il cane che fa la sua esperienza al recinto del pascolo non ha un aggressore o un bullo che gli infligge dolore in un batter d’occhio e non può sottrarsi volontariamente. Questa è una differenza essenziale.

Se sono perso nei miei pensieri in un ingorgo e un veicolo d’emergenza alza la sua sirena dietro di me, probabilmente mi spaventerà. Mi avviserà e mi sveglierà. È per questo che è lì. Una vita di traumi non dovrebbe essere inflitta a una persona sana di mente. La violenza sarebbe il risultato di un rumore permanente, al quale non si può sfuggire.

Portare una “situazione di paura” non è quindi necessariamente equiparato immediatamente alla violenza. Qui posso anche riferirmi ai ricercatori del sonno che descrivono chiaramente gli effetti negativi e fisiologici delle sveglie, lo cambiamo o lo abbiamo “accettato”? Quindi fondamentalmente negativo, ma “tragico”? O forse da considerare di nuovo individualmente?

Quindi ci deve essere una chiara distinzione tra le azioni (ricorrenti) come parte dei metodi di allenamento e le azioni contestuali. E questo è estremamente importante per me qui.

Perché potevo già osservare come le persone non osavano più reagire correttamente quando si trattava di situazioni problematiche con i loro cani. Perché la “non violenza” è semplicemente comunicata in modo sbagliato e a volte quasi come una spada di Damocle giace sul nuovo mondo dei cani. Naturalmente dovete tirare il vostro cane fuori da una situazione pericolosa al guinzaglio per evitare qualcosa di peggio. Questo non significa che strangolate o costringete il vostro cane se tirate il guinzaglio. Non vuoi insegnare nulla al tuo cane e lo fai regolarmente. E naturalmente un urlo forte può anche essere appropriato per scongiurare il pericolo. Questo non ha niente a che vedere con la violenza e certamente niente a che vedere con i metodi di allenamento. Si tratta di agire in un modo limitato nel tempo, non c’è bisogno di iniziare a tirare fuori dei dolcetti. Ma ovviamente ha bisogno di un’educazione adeguata e di una mediazione esatta per capire la differenza tra l’educazione non violenta e l’agire in certe situazioni. Questo, in effetti, potrebbe essere stato abbastanza perso.

Forse c’è una certa paura o vergogna di essere visto come una persona che glorifica la violenza. Soprattutto perché alla gente piace presumere una situazione momentanea su un comportamento generale. Curiosamente, il dotto “osservare <> interpretare” viene poi dimenticato di nuovo e frettolosamente interpretato e generalizzato in ogni caso. Anche a me è stato permesso di osservare questo e fortunatamente molto presto di reggere lo specchio a quelli.

Ciò che non vogliamo per l’addestramento dei cani, perché sarebbe controproducente, soprattutto a lungo termine non avrebbe alcun effetto (positivo), non ha nulla a che vedere con le azioni e le reazioni spontanee nella vita quotidiana del cane.

“Dissezionare” mi piace fare queste cose, perché la comunicazione più priva di errori possibile mi sembra importante, per poter rendere questo argomento emotivo intorno al cane un po’ più fattuale, soprattutto nella zona dove si scambiano persone esperte con opinioni diverse.

Perché non possono essere i professionisti ad agitarsi mentre là fuori c’è la vera merda che succede nel giorno per giorno. Non dovrebbe anche essere che si parla male di tutto quando la gente si occupa di “cani problematici” e praticamente ogni metodo (che sono sicuramente non avversivi) viene criticato e non importa cosa, è solo “il povero cane” e si dimentica che una persona completamente diversa ha creato questo problema. Viene gettato in giro con termini come “impotenza appresa” senza che le persone ovviamente anche solo approssimativamente questo termine a tutti capire cosa questo in realtà (drammaticamente) Significa. Quindi per favore seguite il link a “Esperimento sull’impotenza appresa nei cani” su Wikipedia, leggete, capite e non ripetete a pappagallo qualcosa. A proposito, condanno questo disegno sperimentale, mia nonna avrebbe potuto dirmi il risultato senza un tale “esperimento”. Paternalismo insensato e saccenti, mentre i video davvero drasticamente idioti (per esempio l’addestramento al richiamo con collare a scossa elettrica) possono esistere tranquillamente su YouTube.

Non sono completamente soddisfatto del mio testo qui, perché mi chiedo se quello che sto cercando di trasmettere arriva anche in questo modo. La mia intenzione è quella di portare i professionisti dei cani, sia dalla pratica e/o dalla ricerca e dall’insegnamento, così come le persone di altre professioni animali di nuovo sempre più su un livello comune, perché se Mami e Papi litigano, allora i bambini andranno per la loro strada ????. Fondamentalmente, le opinioni non differiscono in punti così gravi, si tratta solo di sottigliezze e della libertà di scegliere tra ciò che è possibile, invece di cercare solo di dare una direzione.

Questo testo può “funzionare” solo se i lettori sono disposti a pensare fuori dagli schemi e a considerare che abbiamo a che fare con molti cani e proprietari diversi nella nostra società. Diverse razze così come cani provenienti da rifugi per animali, cani maltrattati e cani “perfettamente” socializzati con un asilo fantastico e senza stress.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *