Imprinting nei cani – come considerazione per l’addestramento e la convivenza?

Come già affrontato nel mio precedente articolo 👉 “Modellato dai cani da rifugio – Il mondo è colorato e vario”, una dichiarazione sul concetto di imprinting con riferimento a Konrad Lorenz mi aveva fatto riflettere.

La dichiarazione proviene da un allenatore, che non conosco personalmente, ma il suo genere comunque qualcosa di positivo finora può vincere. Quindi il mio punto non è quello di criticare o anche attaccare questa persona o questa dichiarazione in isolamento, ma piuttosto di dare uno sguardo critico a una tendenza che può affermarsi in generale.

Di cosa si tratta in realtà?

Si tratta dell’addestramento dei cani e dell’attenzione del cane verso il proprietario. Sia negli incontri tra cani che quando si tratta di raccogliere cibo, potenziali esche velenose.

Una dichiarazione era che non pensava molto alle cosiddette “scuole per cuccioli” dove i giovani cani “imparano” la socializzazione in gruppo, tra le altre cose.
“Il giovane cane non dovrebbe imparare affatto che può divertirsi con altri cani e piuttosto concentrarsi sul suo padrone”

Così o qualcosa del genere, non vuole essere una citazione descrive la, fondamentalmente comprensibile, strategia. Una strategia che mira a garantire che un cane non cerchi permanentemente e attivamente il contatto con altri cani più tardi nella vita.

E di nuovo, non si tratta di una persona malvagia o incorreggibile da cui proviene questa affermazione. Al contrario, certamente un buon addestratore di cani che può fornire conoscenze pratiche. Inoltre, certe affermazioni non devono essere considerate troppo isolate, perché non è che non permetta ai suoi cani di avere un contatto o che lo rifiuti in generale. Si tratta già di aspetti delle strategie di addestramento.

Non scriverò il contenuto della conferenza di Udo Gansloßer sullo sviluppo dei cuccioli o le ricerche di Konrad Lorenz sul tema dell’imprinting. Si può trovare abbastanza letteratura, conferenze, ecc. su questo argomento.

A quale possibile tendenza mi riferisco?

Ho l’impressione, e lì posso essere informazioni inondate dai social media e da Internet in generale sbagliate, che qui in certe zone aumenta una tendenza che uno vuole muoversi con il suo cane totalmente indisturbato solo nella squadra personale senza ulteriori contatti con altre squadre uomo-cane liberamente e indisturbate nella zona generale.

Quindi, ora lentamente passo dopo passo. Da un lato, la realtà lontana da un mondo elettronico e virtuale di Internet mi mostra che cani e proprietari di cani hanno ancora e come 30 anni fa un vivace contatto e scambio sociale. Tuttavia, e questo mi può sembrare solo soggettivamente oggi, si vede anche sempre più questo atteggiamento di “rifiuto del contatto” nella vita reale.

Ma allora cosa è cambiato? Forse è l’atteggiamento odierno nei suoi confronti e la “richiesta” proattiva del suo “spazio”. Come una bolla di energia da fantascienza che si vuole conoscere intorno a sé. Sì, credo che questo sia ciò che posso osservare in senso negativo.

Ho comprensione per tali desideri e posso capirli?

Ma chiaramente, certo, anche abbastanza chiaramente! Se io stesso ad un certo punto nel passato fossi diventato improvvisamente uno di quelli che volevano avere la loro “pace” da altre squadre umano-cane. MA, lì ho proattivamente curato la mia distanza, la mia “bolla protettiva”. Sono uscito in largo, con il cattivo tempo e nelle ore più impossibili con i miei cani. Lì non sono passato attraverso la folla, io presuntuoso tutti gli altri possono ora evitare, che è probabilmente la bella differenza.

Torniamo all’imprinting e alle scuole per cuccioli, ai gruppi di gioco per cuccioli:

L’Animal Welfare Act afferma: “Chiunque tenga un animale deve garantire che … l’opportunità di contatto sociale, tenendo conto della specie, età, …”

Spero che il mio cerchio di pensieri possa ora chiudersi per l’uno o l’altro lettore – la supposta, addestrata astensione da gruppi di cuccioli o di gioco del mio giovane cane, in modo che io possa avere più “facile”, “più comodo” forse nell’ulteriore convivenza con il mio cane come essere umano. Il cane deve seguirmi gentilmente, “funzionare” come voglio io. Perché se non sa quanto sia bello il contatto con gli altri cani, non vorrà andare sempre da loro. In qualche modo questo atteggiamento mi ricorda Mogli (in realtà Mowgli), il trovatello che cresce con gli animali nella giungla…

Naturalmente (quasi) tutti desideriamo incontri con i cani senza problemi, che non dobbiamo rispondere costantemente e permanentemente e soprattutto in modo “estenuante” ai desideri o meglio alle emozioni dei nostri cani. È per questo che educhiamo i nostri cani ed è per questo che ci sono addestratori di cani che ci sostengono in questo. Dobbiamo anche educare i bambini e fargli capire che non si tratta sempre della loro volontà.

Ma così come non devo necessariamente portare il mio giovane cane alla scuola per cuccioli, non devo necessariamente portare il mio cane al centro commerciale quando potrebbe non essere adatto.

Non sto nemmeno parlando contro le squadre uomo-cane “isolate”, che possono funzionare meravigliosamente con i nostri cani di casa oggi penso, tuttavia penso che un sacco di specie-specifiche, contatto sociale. E soprattutto devo accettare che ci siano altre squadre uomo-cane che la pensano diversamente. Non deve essere sempre un contatto, ma non devo nemmeno impedirlo con la forza.

Intorno ad un certo contatto, non ci giriamo intorno. Una “indignazione” per questo, come avviene oggi forse ogni tanto sempre di più, con giustificazioni discutibili dovute a presunte prove empiriche o, in un tempo pandemico probabilmente meglio coniato, prove scientifiche, la considero esagerata. Dopotutto, sono regolarmente “chiacchierato” da mendicanti, venditori, cercatori, ecc. senza insultarli o condannarli immediatamente.

È una questione importante per me perché ovviamente condivido il desiderio di poter tenere il mio cane lontano da incontri potenzialmente indesiderati. Inoltre, soprattutto, capisco molto bene quei proprietari di cani molto responsabili con “cani problematici” che evitano attivamente tutti i pericoli e vogliono davvero solo la loro pace. Perché che debbano affrontare un’”indignazione” verso se stessi e il loro cane, se un altro cane viene semplicemente a correre verso di loro e questo porta a un contatto non amichevole, non è nemmeno comprensibile.

Ho già scritto su questi argomenti negli articoli “Lasciate giocare i cani – gli adulti non giocano?” e “Lasciate che i cani (al guinzaglio) si incontrino”.

Ha bisogno di nuovo di più attenzione e consapevolezza, perché soprattutto i proprietari responsabili di cani problematici possono essere riconosciuti abbastanza bene dal linguaggio del corpo e dalle azioni. Il linguaggio del corpo degli esseri umani, anche noi non dobbiamo trascurare quando si tratta di incontri con i cani. Solo i segnali comuni di umani e cani, risultano in un quadro complessivo che dovrebbe portarci a comportamenti propri (un approccio all’altro così come un’evasione).

Spero, è solo un piccolo stralcio di osservazioni, che ho preso negativamente, perché non voglio un mondo canino in cui ci teniamo con le maschere (museruole) permanentemente ad una distanza di 2 metri l’uno dall’altro. In una pandemia, questo almeno ha ancora una ragione concreta, limitata nel tempo.

Conclusione:

Sia che io partecipi ad un gruppo di gioco di cuccioli con il mio giovane cane o no. Dare al cucciolo solo con i miei cani già esistenti il contatto con i suoi coetanei o qualsiasi altra cosa – ognuno dovrebbe fare quello che pensa sia giusto e si adatta ad una situazione di vita individuale.

Ma se davvero nego al cucciolo il contatto (esteso?) con altri cani o lo limito fortemente, in modo che non impari quanto sia bello giocare con altri cani, allora la considero una strategia di addestramento molto strana. Non la sosterrei.

Nessuna critica emotiva da parte mia, nessuno messo giù, solo messo nella stanza e interrogato….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *