La dominanza nell’addestramento e nell’educazione dei cani

Molto spesso nel contesto dell’addestramento dei cani il termine dominanza è associato molto negativamente. Anche se si può intuire a cosa si riferisce questo atteggiamento negativo, soprattutto nell’addestramento cinofilo moderno e non violento rispetto ai metodi aversivi, che erano quasi comuni nei tempi precedenti, abbiamo ancora un linguaggio valido, tedesco e definizioni che non possono essere semplicemente spazzate sotto il tavolo.

Soprattutto nelle conferenze sul tema dell’educazione e dell’addestramento dei cani, non si dovrebbe trasmettere con noncuranza a un vasto pubblico qualcosa di impreciso, addirittura falso, che può successivamente diffondersi come una mezza verità a macchia d’olio e portare a malintesi e discussioni inutili.

Quindi la dominanza di per sé è da considerarsi negativa – certamente no!

Prima di tutto – il termine dominanza si trova quasi più nell’area animali/cani che altrove, soprattutto quando si cerca tramite i motori di ricerca su internet – quindi quest’area domina ????

Si insegna che il dominio non sta in piedi da solo, ma entra in vigore tra due o più individui/fattori/ecc. Ah davvero? Beh, forse questa definizione supplementare è necessaria per allontanare la gente dall’uso generalizzato del termine “il cane è dominante”. Ciò che si intende generalmente con tali affermazioni “casuali” è probabilmente una situazione concreta o un comportamento statisticamente frequente, ma spesso, naturalmente, un’interpretazione errata o un’errata interpretazione dell’umano. Corretto, tuttavia, questa parte della definizione è, naturalmente, forse troppo evidente per me personalmente.

Per prima cosa, guardiamo la definizione di dominanza nel Duden:

  1. Uso in biologia (genetica):
    “proprietà dei fattori ereditari di prevalere su quelli più deboli”.
    Un buon esempio, credo, perché qui abbiamo due possibilità di come il termine dominanza può giocare:a) Se un gene per, casualmente parlando, “forti difese” è dominante su un gene (il recessivo in questo caso) per una grave malattia ereditaria, per esempio, allora questa dominanza ha probabilmente effetti positivi.

    b) Il gene per una grave malattia ereditaria è dominante sul “gene della robustezza”, una conseguenza costantemente negativa della dominanza.

  2. a) il dominio
    Esempio: “la dominanza del visivo sull’acustico”.b) dominare; predominanza
    Esempio: “il dominio del Giappone nell’elettronica”.

Buoni esempi, quindi, per non generalizzare il concetto di dominanza come fondamentalmente negativo.

Il concetto di dominanza in psicologia:

Pschyrembel:
“La superiorità o lo sforzo di una persona o di un gruppo per la superiorità sui partner o su altri gruppi”.

Qui il termine “superiorità” non è discusso più in dettaglio, ma in ogni caso non è fondamentalmente definito come qualcosa di negativo.

Il mio esempio positivo di questo: Sono superiore a un gruppo o a un individuo nel trovare soluzioni creative e quindi mi assumo il compito di tirarci fuori da una situazione imbarazzante.

Wikipedia:
“La dominanza, in biologia e antropologia, si riferisce a un individuo o un gruppo di individui che hanno uno status sociale superiore rispetto a un altro individuo o gruppo, al quale quest’ultimo risponde in modo sottomesso. L’opposto della dominanza è la sottomissione o la subordinazione/sottomissione”.

E qui mi atterrò al sottotitolo “biologia”:
“Le gerarchie di dominanza si trovano in molti animali, compresi i primati e anche nell’uomo. L’individuo A limita i diritti e le libertà dell’individuo B e concede a se stesso tali diritti e libertà, che B accetta. La dominazione è sempre specifica della relazione e dipende dal tempo e dalla situazione”.

Qui possiamo già vedere dalla definizione:

  • Ogni genitore sarà dominante verso il proprio figlio (minorenne), semplicemente per protezione nel senso di responsabilità.
  • Anche ogni proprietario di cani, perché i nostri cani si muovono insieme a noi in una società e non sono autorizzati a fare tutto.
  • Lo stato è dominante nei miei confronti, perché esige da me una certa azione e limita certe libertà con delle leggi. (Ma in cambio ottengo anche diritti e titoli).

Di nuovo, esempi che non possono essere visti come negativi di per sé.

Allora perché il concetto di dominanza nel trattare con i cani è sempre attribuito al bullo? È semplicemente sbagliato, impreciso, mal pensato. Non dovrebbe essere così.

La dominanza può significare una leadership positiva. La dominanza positiva si manifesta anche nella guida. La fiducia nella leadership – la leadership ha bisogno di fiducia.

Negativo, veramente “cattivo”, il falso dominio attraverso la violenza fisica e psicologica esiste, sì, senza dubbio. Ma deve essere differenziato criticamente, soprattutto quando la dominanza è formulata come qualcosa di generalmente negativo nel rapporto uomo-cane (che è fondamentalmente sbagliato).

Lo slogan popolare “addestrare invece di dominare” è purtroppo spesso usato in modo impreciso, soprattutto in relazione all’uso fisico della forza. Solo gli addestratori esperti e/o i proprietari di cani sanno come distinguerlo correttamente.
Nel trasmettere la conoscenza, però, è probabile che questa venga comunicata male o in modo scorretto e purtroppo si diffonda altrettanto rapidamente.

La dominanza associata negativamente non può essere generalizzata alla violenza fisica. Questo accade troppo spesso secondo me, esempi come il lancio dell’alfa o lo spingere verso il basso sono spesso portati qui (che ovviamente nessuno ha bisogno) ma la dominanza negativa può esistere anche attraverso mezzi non avversivi.

I migliori esempi che ho potuto osservare alcune volte per caso a Vienna. Sui marciapiedi per lo più vuoti o poco frequentati un cane camminava in maniera perfettamente subordinata, con la testa in posizione alta verso il padrone, quasi permanentemente “ben educato” al tallone.
Per me un esempio di dominanza negativa, perché in realtà inutile. Anche nello sport del cane da protezione o con subordinazione questo è dimostrato solo per un certo periodo per l’esame o lo spettacolo in questo genere, non comunque come comportamento continuo “richiesto”.
Le malposizioni e i problemi anatomici sembrano essere pre-programmati. Quindi non si tratta del modo in cui questo comportamento è stato addestrato, esigerlo permanentemente è un comportamento dominante dell’umano verso il cane, ma generalmente non è percepito come tale (piuttosto come un “ma lui è buono”).

Allo stesso modo, il dominio su un cane (più o meno a seconda dell’individuo), che tengo in mano sotto forma di un pezzo di cibo (bocconcini) (come un bisogno biologico di base “mangiare”), può degenerare in violenza psicologica se usato in modo sbagliato.
Qui è molto importante guardare l’individuo: Per un numero sufficiente di cani, il pezzo di cibo in mano al loro padrone o alla loro padrona semplicemente non tangerà, ma per altri rappresenterà una situazione di conflitto moderatamente grave. Per altri individui, il ritiro dell’attenzione è una “punizione” maggiore. Questo è un capitolo a parte, tuttavia…

Finora non sono stato in grado di trovare nessuna definizione di termini, unica per la scienza veterinaria, che ritragga la dominanza in generale e in termini di educazione/formazione come qualcosa di costantemente negativo. Se questo esiste, attendo con ansia i riferimenti/fonti corrispondenti.

Proprio nel senso di cercare di trovare regole uniformi per l’addestramento dei cani, si dovrebbe prestare attenzione fin dall’inizio al corretto trasferimento delle conoscenze e alla precisione nella comunicazione e nell’articolazione.

Forse il termine deve essere correttamente diviso in dominanza positiva e negativa, come nel caso dello stress (eustress/distress), anche se fisiologicamente non c’è differenza qui, gli effetti/conseguenze mentali sono probabilmente impressionanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *