Liberare il lupo per la caccia? Giustificato da interessi economici?

Il lupo dovrebbe essere liberato per essere sparato a causa del danno economico?

Come i media austriaci hanno recentemente trovato qualcosa di nuovo.

Il tema dei lupi e che strappa sempre più animali da fattoria, soprattutto le pecore. Da macellazione regolare si parla, le emozioni soprattutto nei social media andare di nuovo high….

Perché un lupo o un branco di lupi forse pari a diverse pecore bestiale strappato, ucciso o una macellazione organizzata, senza la preda poi anche come cibo da mangiare (se accade a tutti effettivamente così e non solo l’attenzione dovrebbe servire) non lo so.

Abbiamo specialisti per questo in Austria e anche in altri paesi. Un centro di scienza del lupo per esempio, un Kurt Kotrschal, un VGT e altre organizzazioni di protezione degli animali. Sfortunatamente, le opinioni concrete su questo si sono ovviamente diffuse meno o hanno trovato attenzione nei media tradizionali.

Quindi non posso prendere una posizione su questo al momento, come ho detto, ci sono persone del settore per questo.

Parliamo di numeri e relazioni, non ho la presunzione di poter fornire valori corretti, è stata una ricerca quick & dirty, che mi sembra plausibile.

È compito di un ministero dell’agricoltura fornire informazioni fattuali alla popolazione e trasportarle ai media. Il nostro governo federale è riuscito a farlo anche in una pandemia di corona e ci ha fornito delle cifre.

Questo dovrebbe valere anche per l’agricoltura, perché abbiamo bisogno di cooperazione e trasparenza.

Le relazioni, bene mettiamo tutto in prospettiva. Non siamo risparmiati.

Mettiamo in prospettiva il danno da vaccino, chi colpisce è il povero disgraziato. Che sfortuna. Resta solo da sperare in un supporto funzionante dello stato per poi essere in grado di far fronte ai colpi del destino quindi ancora a metà strada. I vantaggi statistici della vaccinazione superano, sull’individuo e sul benessere totale considerato. Non si tratta di questo argomento e non mi posiziono qui, ma è solo un argomento attuale e mi riguarda il confronto dei colpi di fortuna individuali. Per questo ci sono anche altri innumerevoli paragoni possibili, forse migliori, mi è solo venuto in mente.

Quindi in questo caso i contadini sono “la povera scrofa”, se le pecore allevate e cresciute vengono uccise. C’è una perdita economica, chi deve risarcire? Naturalmente, gli allevatori hanno il diritto di essere ascoltati. L’individuo colpito chiederà naturalmente e giustamente aiuto.

Come si regola, se grandine, siccità, inondazioni ecc. causano danni in milioni all’agricoltura? Non si può trasferire questo al tema del lupo? Ci devono essere degli specialisti per questo o si apre la porta e il cancello all’abuso e alla frode assicurativa? Sarebbe auspicabile vedere non solo i luridi rapporti dei media.

Torniamo alla relazione.

Attualmente stiamo parlando di 100 pecore uccise dai lupi nel 2021. Diciamo che saranno altre 200.

Ora i numeri senza fonti affidabili, come ho detto, altro sito, per una visione approssimativa ci starà già bene e sono felice di essere corretto.

Nel 2019 circa 340.000 pecore macellate con 100 uccisioni di lupi.

Cosa “porta” in termini di denaro una pecora quando viene venduta?

E ora la questione con numeri ancora più oscuri:

I cerbiatti uccisi ogni anno dai raccoglitori:

In Austria, presumibilmente 25.000 all’anno. Un bel po’. Una morte tragica e “inutile”. Ma questa cifra è corretta? In Tirolo si dice che solo 800 cerbiatti vengono uccisi o feriti gravemente in questo modo ogni anno.

E in qualche modo si fallisce poi alle conversioni tecniche in modo simile come con il problema dell’angolo morto con i camion che girano eventualmente. Voglio dire, quelle mietitrebbie, trattori e camion non mi sembrano economici… C’è sempre bisogno di un drone lì? E anche se, nel frattempo le macchine guidano autonomamente! Dopo tutto, cosa dovrebbe fare il contadino che deve falciare il suo grano quando è maturo e il tempo è giusto? I contadini vivono in ritmo e in armonia con la natura, non c’è niente da fare con gli appuntamenti o probabilmente solo raramente.

Il numero di 100.000 cerbiatti uccisi dalle mietitrebbie in Germania sarebbe abbastanza vicino, ma il Frankfurter Allgemeine in un articolo del 2018 ha ricercato questo come un “numero ovviamente inventato”.

Ma restiamo con “solo” 800 cerbiatti in Tirolo.
Chi risarcirà i cacciatori per i danni se questi 800 cervi possono poi sparare meno?

Figuriamoci i danni di 25.000. E adesso? Qui manca secondo me nella politica e/o in un Ministero alla strategia di comunicazione appropriata e alla chiarificazione e/o anche alla ricerca di soluzioni. Forse, tuttavia, non c’è semplicemente nessuna soluzione pragmatica e buona, può essere naturalmente. Ma poi non abbatteremo i lupi a causa di “solo” 200 pecore, se esiste. C’è già abbastanza attrito tra i cercatori di vacanze e ricreazione e l’agricoltura.

Agricoltori che affrontano centinaia di migliaia di euro di richieste di risarcimento danni dopo la tragica morte di un turista per mano di una mucca. Consumatori che vogliono la carne della mucca felice del pascolo nel piatto, ma non vogliono essere esposti al pericolo durante le escursioni, soprattutto se camminano su sentieri segnalati e “ufficiali”.

E ci sono mucche che sono abituate alle persone e ci sono mucche che non lo sono. Ci sono persone squilibrate che hanno seguito una tendenza dei social media e hanno spaventato le mucche e ci sono persone che sono rispettose degli animali al pascolo.

Sì, non è tutto facile, avevo parlato a lungo e molto con gli agricoltori.

E i cani da guardia, oh sì, questo porta nuovi punti di attrito. La Svizzera ha sviluppato un’applicazione per smartphone per rendere visibile il loro uso agli escursionisti. In Italia dovrebbe essere un successo per proteggere le mandrie di bestiame dal lupo, come si presenta con gli escursionisti o anche con i tourer con il cane come scorta rimane aperto.

L’app Corona è arrivata in un attimo, quindi non può essere così difficile.

Il giornalismo responsabile ha un aspetto diverso, non incita di nuovo le persone l’una contro l’altra, ma si sforza di chiarire i fatti.

Ma prima di sparare ai lupi isolati, gli allevatori di pecore colpiti dovrebbero prima essere sostituiti dalla perdita e dovrebbe essere sviluppata una soluzione strategica e sostenibile. Come ho detto, abbiamo un Wolf Science Center, cacciatori e allevatori responsabili.

Personalmente non ho una soluzione pronta, come potrei? Ha bisogno di persone della materia e della pratica come accademici, ricercatori e forse visionari. Devono solo riunirsi.

Tuttavia, le relazioni che ho segnalato dovrebbero dimostrare che attualmente non c’è alcuna giustificazione per l’abbattimento e che le persone colpite dovrebbero essere sostenute senza complicazioni per il momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.